Centralino 0773/6521

Bilancio comunale approvato, spese sbloccate dal 2 gennaio

“Non abbiamo memoria di un bilancio comunale di previsione approvato entro la fine dell’esercizio precedente”. Con queste parole il sindaco di Latina Matilde Celentano sottolinea il carattere eccezionale del risultato.

“Non è solo una questione di puntualità, rispetto alla norma, senza l’attesa delle puntuali proroghe che il Governo concede e che anche quest’anno è stata fissata al 15 marzo 2024 – ha affermato la prima cittadina – Con il bilancio di previsione approvato abbiamo la possibilità di effettuare spese e investimenti a partire da subito, dal 2 gennaio prossimo. Non si procederà più per dodicesimi e quindi sarà possibile per gli uffici effettuare da subito tutti gli interventi manutentivi alle strade, al verde pubblico e alle scuole, assicurare tutti i servizi alla collettività previsti in bilancio senza attendere l’approvazione tardive del documento”.

Il documento contabile licenziato, con tanto di emendamenti, al termine di una seduta fiume del Consiglio comunale durata oltre 22 ore, è di 240 milioni di euro al netto delle partite di giro.

Centonove milioni di euro le entrate correnti; 28 milioni di euro provenienti dai trasferimenti, 21 milioni di euro di entrate extra-tributarie e 60 milioni di euro di entrate in conto capitale. Le uscite sono invece ripartite nel seguente modo: 159 milioni per la spesa corrente, 74 per la spesa in conto capitale e 4 milioni circa per rimborso prestiti.

“Chiaramente si tratta di un documento che sarà oggetto di variazioni nel corso del 2024 per adeguare lo stesso alle risultanze contabili del rendiconto 2023 e di eventuali maggiori entrate provenienti dai trasferimenti e dal contrasto all’evasione tributaria”, ha affermato il sindaco Celentano, sottolineando lo straordinario lavoro svolto dagli uffici su indicazione dell’assessore al Bilancio Ada Nasti.

“E’ stato un risultato importante – ha proseguito l’assessore Nasti – frutto di un duro lavoro e di scelte politiche ben precise, analiticamente dettagliate in un copioso documento qual è il bilancio comunale.

Un documento fatto di numeri che evidenziano con esattezza gli interventi e le scelte di questa amministrazione e che traducono gli obiettivi già approvati dal consiglio comunale nel Documento unico di programmazione”.

“Il bilancio approvato conferisce una forte spinta al recupero dell’evasione tributaria – ha sottolineato la delegata del sindaco – il potenziamento di molti servizi in favore della cittadinanza, tra i quali le manutenzioni delle strade, degli immobili, del verde pubblico e delle scuole. Il documento stanzia fondi per implementare l’offerta degli asili nido e per fronteggiare l’aumento delle spese per i trasporti pubblici locali. Con il risultato di amministrazione relativo all’esercizio del 2023, che conosceremo tra pochi mesi, sarà possibile intervenire sul bilancio approvato implementando ulteriormente la qualità dei servizi alla cittadinanza”.

Il sindaco Celentano e l’assessore Nasti hanno precisato che “si ritornerà necessariamente in Consiglio comunale entro il 30 aprile 2024 per l’approvazione del Pef per il servizio di igiene urbana, il cui costo dovrà essere recepito nel bilancio preventivo e coperto dalle entrate derivanti dalla bollettazione”. “A riguardo – hanno aggiunto – l’amministrazione sta lavorando, insieme all’azienda speciale Abc, al fine di trovare ogni utile soluzione per ridurre il costo del piano economico e la conseguente tariffazione a carico dell’utenza”.

“Ringrazio tutti i consiglieri e gli assessori comunali che sono stati impegnati per ben 22 ore in aula per l’approvazione del bilancio di previsione dell’ente – ha concluso il sindaco Celentano – In particolare ringrazio i consiglieri che, con la febbre, sono rimasti in Comune durante la nottata per garantire il numero legale necessario a licenziare il documento contabile che consentirà, sin da subito, all’ente di essere operativo senza il vincolo dei dodicesimi”.