Centralino 0773/6521
urp@pec.comune.latina.it

PROCEDURA APERTA- GARA 33: Appalto integrato- PLUS MARINA DI LATINA: Passeggiata a mare con pista tra Capoportiere e Foceverde – CIG: 509198896B.

 

SEDUTA PUBBLICA – APERTURA OFFERTA ECONOMICA – 
ORE 10.00 DEL 30.07.2013 

AGGIUDICAZIONE – Graduatoria –

 


– Concorrenti Partecipanti: 33

– Esclusi: 3

– Ammessi: 30


 

 

 

N

 

 

DENOMINAZIONE

Punteggio Offerta Tecnica

Punteggio Offerta Economica

Punteggio Offerta Temporale

Punteggio TOTALE

1

7
– ATI  MASSICCISRL-GEOM. PELLEGRINO
BARTOLOMEO

63,36

19,957

3,00

86,317

2

11
– AR.CO. LAVORI SOC. COOP. CONS.

56,67

24,163

4,00

84,833

3

18
– ATI FURLAN COSTRUZIONI ITALIA SRL -DESCA SRL

57,87

17,365

3,50

78,735

4

21
– IRCOP  COSTRUZIONI GENERALI SPA

42,26

30,000

4,00

76,260

5

3
– NIDACO COSTRUZIONI SRL

54,88

16,094

1,50

72,474

6

19
– IMPRESA EDILE FALCONE PASQUALE SRL

46,99

21,579

2,80

71,369

7

17
– ATI-LEONETTI IMPIANTI SRL- APSU IMPIANTI SRL

47,78

20,526

2,20

70,506

8

25
– ATI POSEIDON SERVICE SRL – PENTA APPALTI SRL – C.P.L. 2000 SRL

51,36

15,219

3,70

70,279

9

28
– I.GE.CO. SRL

41,49

24,034

4,50

70,024

10

33
– GRUPPO ZEPPIERI COSTRUZIONI SRL

48,12

15,588

4,00

67,708

11

20
– IMPRESA EDILE D’ANGELI RENATO

43,39

15,648

5,00

64,038

12

14
– ATI- IMPRESA CAPOGRUPPO 3D INGEGNERIA E COSTRUZIONI SRL-D.EDIL PROJECT SRL

37,00

23,605

2,57

63,175

13

6
– ATI TULLIO EDIL CALCESTRUZZO SRL -ELLEQ COSTRUZIONI SRL

40,10

20,181

1,50

61,781

14

23
– PRMA APPALTI SRL

29,36

25,516

3,30

58,176

15

26
– ATI CONSORZIO COOPERATIVE COSTRUZIONI – EDIL NOEMI SRL

31,03

22,249

3,00

56,279

16

29
– DELTA LAVORI SPA

22,47

27,072

5,00

54,542

17

9
– BARBIERI COSTRUZIONI

22,88

29,505

2,00

54,385

18

8
– MAROTTA MACCHINE SRL

32,67

16,103

4,80

53,573

19

4
– G.&M. LAVORI SRL

26,34

24,034

2,00

52,374

20

22
– ATI-  M.G.M. SPA -S.E.A.SRL

33,01

15,648

3,00

51,658

21

12
– STRADAIOLI SRL

36,52

12,970

1,10

50,590

22

31
– EDIL SAFER SRL

27,62

18,884

2,20

48,704

23

13
– ATI- GRUPPO SAPA SRL- A.C.M. SRL Associati Costruttori Meridionali

27,42

19,444

1,10

47,963

24

5
– PRIMARCHING  SRL

21,15

23,519

3,00

47,669

25

2
– CARPINETO COSTRUZIONI

25,38

20,961

1,00

47,341

26

24
– ATI EDILSTRADE SRL – SAP SRL

28,64

13,305

3,00

44,945

27

1
– EDILIZIA CAMPANA

17,35

25,079

1,00

43,429

28

15
– D’ANGELO COSTRUZIONI SRL

20,90

18,052

2,50

41,452

29

30
– D.P. COSTRUZIONI SAS DI MONIA PAGLIA

26,63

8,575

2,50

37,705

30

10
– CONSORZIO EMILIANO ROMAGNOLO

12,32

22,009

2,00

36,329


 

Aggiudicata Provvisoriamente al concorrente n° 7 – ATI  MASSICCISRL-GEOM. PELLEGRINO BARTOLOMEO con
il punteggio totale di 86,137.

Seconda
classificata risulta il concorrente n° 11
– AR.CO. LAVORI SOC. COOP. CONS.
con il punteggio totale di 84,833.

 


 

PROCEDURA
APERTA – APPALTO INTEGRATO

procedura:
art.3 comma 37, art.53 comma 2 lett. b), e art.55 comma 5, D.Lgs n. 163 del
2006

PLUS
MARINA DI LATINA: PASSEGGIATA A MARE CON PISTA TRA CAPOPORTIERE E FOCEVERDE

CIG:
509198896B  –  CUP: B25I12000080002

“POR
FESR LAZIO 2007-2013 – ASSE V “Sviluppo urbano e locale” –

Attività
V. 1 “Rigenerazione delle funzione economiche, sociali ed ambientali delle
aree urbane”


– MODALITÀ DI FINANZIAMENTO: “POR FESR
Lazio 2007-2013 – Asse V, Sviluppo urbano e locale – Attività V.1,
Rigenerazione delle funzione economiche, sociali ed ambientali delle aree
urbane” 

– CRITERIO

Offerta
economicamente più vantaggiosa ai sensi dell’art. 83 del D.Lgs. n.163/2006

– BREVE
DESCRIZIONE DELL’APPALTO

L’intervento
consiste nella progettazione esecutiva e realizzazione di una “Passeggiata
a mare” attraverso il rifacimento dell’attuale percorso pedonale e la
realizzazione di una pista ciclabile  Nel tratto finale della passeggiata,
è prevista la realizzazione di spazi comuni con panchine, aree verdi, fontane e
parcheggi per le biciclette. Il tutto come meglio decritto negli elaborati
progettuali.

Il progetto
definitivo, tutti gli allegati e le tavole  in formato PDF si trova al
seguente indirizzo:

clicca
qui==>*
  
Progetto Allegati Tavole

 *N.B.: considerato che alcuni file superano i 20mb si consiglia di scaricarli prima
sul proprio pc e poi di visionarli

 – ENTITÀ
DELL’APPALTO

Entità totale
(IVA esclusa):

importo
complessivo a base d’asta: € 3.046.969,94 così ripartito;

a)     
€ 2.885.280,94 per l’esecuzione dei lavori (soggetti a ribasso);

b)     
€ 104.500,00 oneri per l’attuazione dei piani di sicurezza (non soggetti
a ribasso);

c)     
€ 57.189,00 per la progettazione esecutiva (soggetti a ribasso); 

– CATEGORIE

In riferimento
alle categorie e classifiche di cui all’art. 61 del D.P.R. n. 207/2010 e s.m.i.
i lavori sono così classificati:

OG1: Categoria
prevalente – € 2.000.410,62 – Classifica IV, qualificazione
obbligatoria;

OG3: Categoria
scorporabile/subappaltabile € 884.870,32 – Classifica III,
qualificazione obbligatoria.

 Ai fini
dell’individuazione delle prestazioni professionali e della determinazione del
corrispettivo a base di gara, le categorie oggetto dell’incarico professionale,
individuate sulla base dei parametri contenuti nel D.M. n.140 del 20/07/2012
(vedi schema parcella professionale allegata), sono le seguenti:

Categoria
dell’opera: Edilizia;

destinazione
funzionale: CULTURA, VITA SOCIALE, SPORT, CULTO

Valore
dell’opera: € 2.072.725,44

Categoria
dell’opera: VIABILITÀ;

destinazione
funzionale: VIABILITÀ ORDINARIA

Valore
dell’opera: € 917.055,50

 – DURATA DELL’APPALTO O TERMINE DI ESECUZIONE

Per la
redazione del progetto esecutivo 30 (trenta) giorni naturali e consecutivi
decorrenti dalla data del provvedimento del R.U.P. di dare immediato inizio
alla progettazione  esecutiva;

per
l’esecuzione dei lavori 300 (trecento) giorni naturali e consecutivi decorrenti
dalla data del verbale di consegna dei lavori.


IMPORTANTE – Documentazione allegata

Il progetto
definitivo, tutti gli allegati e le tavole  in formato PDF si trova al
seguente indirizzo:

clicca qui==>*    
Progetto Allegati Tavole

*N.B.: considerato
che alcuni file superano i 20mb si consiglia di scaricarli prima sul proprio pc
e poi di visionarli


F.A.Q.

FAQ – di carattere tecnico le cui
risposte sono stare rese dal RUP Arch. Giovanni Tasciotti

In risposta ai quesiti
sottoposti si rappresenta quanto segue:

1. La
possibilità di mettere a disposizione i files editabili delle tavole poste a
base d’asta, dato che il formato pdf risulta essere di difficile gestione per
evidenziare le soluzioni progettuali adottate.

– I files del progetto, di proprietà
comunale, sono coperti dai diritti d’autore.

2. Se è
possibile estendere il limite di intervento alle aree prospicienti la zona
oggetto di intervento, ed in caso di esito positivo evidenziare tali elementi.

– La zona oggetto d’intervento è di
massima quella prevista in progetto posta a base di gara. Eventuali interventi
diversi potranno essere proposti in relazione ai sotto riportati punti 5 e 6

3. L’evidenziazione
dell’area destinata all’alloggiamento del cantiere fisso nel caso in cui questa
risulti essere prevista;

– La modalità di collocazione del
cantiere è prevista nel piano di sicurezza allegato al progetto posto a base di
gara, il quale, potrà essere modificato ovvero riconsiderato in sede di
redazione del piano di sicurezza e di coordinamento che verrà predisposto con
il progetto esecutivo.

4. La
messa a disposizione della rete acquedottistica presente allo stato attuale in
corrispondenza della zona oggetto di intervento
;

– Il soggetto che risulterà
aggiudicatario dell’appalto provvederà a disciplinare contrattualmente
l’adduzione delle acque con la Soc. Acqualatina quale gestore della rete idrica
comunale.

5. Relativamente
al criterio di valutazione B.3 “Sistemazione del percorso con soluzioni
progettuali e relativa realizzazione, funzionali a creare un collegamento tra
il tratto iniziale e finale del marciapiede rispetto ai tratti già
esistenti”, si intende l’adozione di una soluzione progettuale limitata
esclusivamente al tratto compreso sia tra la parte iniziale oggetto di
intervento con il marciapiede retrostante e la pavimentazione della Piazza
limitrofa, entrambe non comprese nel presente appalto, ovvero Foceverde; sia la
parte finale, più in particolare Via Casilina, con il camminamento escluso
dalla procedura di gara
;

– Si intende la eventuale proposta di
una  soluzione progettuale con conseguente impegno alla realizzazione per
le due testate dell’opera ubicate, rispettivamente, nella zona incrocio con Via
Casilina e nella zona di Piazza di Foceverde.

6. Nel
criterio di valutazione B.2 “Sistemazione delle aree di proprietà comunale
con una cartellonistica descrittiva (in linea con il Manuale di identità visiva
e le Linee guida per le azioni di informazione e comunicazione del PLUS – POR
FERS Lazio 2007/13) della disponibilità dei parcheggi e fornitura di arredo
urbano (panchine, ecc. …) e parchi giochi per bambini nelle aree di proprietà
comunale”, in merito alla disponibilità dei parcheggi si intende la
predisposizione di un’area appositamente attrezzata contenuta all’interno
dell’area oggetto di intervento, oppure l’indicazione di aree esistenti
prossime al lungomare, comper i parchi giochi dedicati ai bambini nelle zone di
proprietà limitrofe.

– Il riferimento è alle aree esistenti
già destinate a parcheggi di proprietà comunale, realizzati in conformità allo
strumento urbanistico della Marina di Latina. La fornitura di arredo urbano si
intende per le zone oggetto d’intervento, sempre di proprietà comunale,
previste nel progetto posto a base di gara.

7. Vorrei
dei chiarimenti in merito al punto 2.4 del “Disciplinare di Gara – Plus
Marina di Latina: passeggiata a mare con pista tra Capoportiere e
Foceverde”. Il punto prima indicato riguarda i requisiti relativi alla
progettazione ed in particolare richiede che il concorrente deve aver svolto
negli ultimi dieci anni, antecedenti la data di pubblicazione del bando, di servizi
di progettazione esecutiva relativi a valori appartenenti alle categorie
definite come da D.M.140/2012 (come specificato nell’allegato “Bozza
Parcella”). Al fine di definire i requisiti per la partecipazione alla
gara, vorrei sapere qual è la corrispondenza tra le classi di lavori definite
nelle L. 2 MARZO 1949, N. 143 e le categorie di lavori indicate nel D.M.
140/2012 facendo, queste ultime, riferimento prettamente a compensi
professionali. In generale alla Categoria dell’opera Edilizia; destinazione
funzionale: CULTURA, VITA SOCIALE, SPORT, CULTO corrisponde l’intera classe I
della tabella (riportata in basso) della L. 2 MARZO 1949, N. 143? E alla 
categoria strade : VIABILITA’ ORDINARIA  corrisponde l’intera categoria VI
della L. 2 MARZO 1949, N. 143

– Come è noto il decreto legge n. 1
del 24.01.2012 (art. 9) ha abrogato le tariffe professionali regolamentate nel
sistema ordinistico e ne ha vietato qualsiasi riferimento nei contratti. Dopo
l’abolizione delle tariffe, con Decreto del Ministero di Giustizia n. 140 del
20 luglio 2012 sono stati promulgati i parametri ai quali i giudici debbono
attenersi per la liquidazione dei compensi per le prestazioni professionali che
contiene anche le disposizioni concernenti le prestazioni professionali
dell’area tecnica alle quali, dopo la legge sulle liberalizzazioni (legge
27/2012) il professionista iscritto all’albo può fare riferimento per un
accordo chiaro sulle prestazioni da svolgere e sul relativo compenso. In tal
senso si sono espressi anche alcuni Ordini per la redazione di un contratto di
tipo professionale. Per quanto risulta, a tutt’oggi, non si può ravvisare una
corrispondenza normata e quindi certa tra le voci della tariffa per ingegneri
ed architetti contenute nella legge del 02.03.1948 n . 143 e quelle riportate
nel D.M. del 20.07.2012 n. 140. Conseguentemente si è del parere che fino alla
data di adozione di detto decreto n. 1/2012 pubblicato sulla G.U. n. 19 del
24.01.2012, le classi e le categorie da prendere a riferimento per indicare i
requisiti per la partecipazione alla gara sono quelle descritte nell’elenco
seguente l’art. 14 delle legge 02.03.1948 n . 143 con oggetto “costruzioni
rurali, industriali, civili, artistiche e decorative
“, classe I,
categorie da a) a g) e con oggetto “ferrovie e strade” classe
VI categorie a) e b). Successivamente a detta data, come riportato nel
disciplinare di gara, la categoria d’opera e la destinazione funzionale delle
opere sono quelle contenute nella tavola Z-1 allegata al D.M. del 20.07.2012 n.
140 definite, rispettivamente, “Edilizia” e “cultura, vita
sociale sport, culto
” ed ancora quelle con la categoria d’opera e
destinazione funzionale definite, rispettivamente, “viabilità
e “viabilità ordinaria“.

8. Si
chiede se è obbligatoria la presa visione dei luoghi e degli elaborati di gara
e, eventualmente, quali sono le modalità e prescrizioni per espletare tale
operazione.

– Non è previsto il rilascio
dell’attestato di presa visione dei luoghi da parte della S.A.

9. Nel
criterio di valutazione B.2 “Sistemazione delle aree di proprietà comunale
con una cartellonistica descrittiva (in linea con il Manuale di identità visiva
e le Linee guida per le azioni di informazione e comunicazione del PLUS – POR
FERS Lazio 2007/13) della disponibilità dei parcheggi e fornitura di arredo
urbano (panchine, ecc. …) e parchi giochi per bambini nelle aree di proprietà
comunale”, in merito al criterio su detto si chiede pertanto quanto segue
: “Di indicare su opportuna cartografia catastale e urbanistica, quali
sono le aree di proprietà comunale  prossime all’area d’intervento sulle
quali è possibile prevedere  la realizzazione  di parchi gioco
per  dei bambini?”

– In relazione a quanto su richiesto
si conferma quanto già rappresentato per precedente analogo quesito già
riportato sul sito e cioè quanto segue: Il riferimento è alle aree esistenti
già destinate a parcheggi di proprietà comunale, realizzati in conformità allo
strumento urbanistico della Marina di Latina. La fornitura di arredo urbano si
intende per le zone oggetto d’intervento, sempre di proprietà comunale,
previste nel progetto posto a base di gara. Si rappresenta inoltre che non è
prevista la fornitura di documentazione integrativa di quella posta a base di
gara.

10. Per
quanto concerne il punto B3 dell’offerta tecnica, la soluzione progettuale
richiesta prevede la realizzazione di un collegamento pedonale tra il percorso
ciclabile ed i rispettivi marciapiedi esistenti, allocati sul versante opposto
dell’area di intervento in via Lungomare? Definendo il tratto iniziale e finale
del marciapiede, vi riferite alla sezione trasversale del medesimo, oppure ai
tratti di testata delle rispettive aree Casalina e foce Verde? 

– Il progetto
prevede  diversi attraversamenti stradali per
i  collegamenti pedonali  tra i marciapiedi da realizzare e
quelli esistenti lato monte con relativa rampa per le persone disabili; per il
tratto iniziale e finale del marciapiede si intendono quelli collocati nelle
aree di intersezione con la via Casalina e quelle con la Piazza di Foce Verde.

11. In relazione
al quesito posto da una società sul significato dei termini ESPLETARE e SVOLGERE rappresento
quanto segue.

– Confortato dai dizionari d’italiano
il significato, dei termini “espletamento” e “svolgimento”
può essere inteso come segue: 

ESPLETARE =
portare a buon fine, portare a termini un lavoro; 

SVOLGERE =
 portare a termine, sviluppare attraverso una serie di azioni un
lavoro. 

Tali termini pertanto, a mio avviso,
possono essere definiti sinonimi.

12. Con
riferimento al quesito posto, relativo ai lavori di “Passeggiata a mare
con pista tra Capo Portiere e Foce Verde  tratto Foce Verde – Via
Casilina”, e più precisamente al mancato riutilizzo del materiale
proveniente dagli scavi come rinterro dei cavi delle condotte della rete scolante,
si specifica che le quote necessarie per raggiungere le livellette stradali
tengono conto anche degli spessori costituiti dal cassonetto stradale e dal
pacchetto del conglomerato bituminoso. Pertanto, anche se in alcuni tratti, le
profondità sono maggiori, tali da non consentire il raggiungimento delle quote
stradali, si è ritenuto opportuno valutare le quantità (minime) del rimanente
rinterro come compenso al trasporto a rifiuto (più remunerativo), in ragione
anche di un eventuale utilizzo di materiale inerte, proveniente da cave.

– Si rappresenta inoltre che l’art.3
del Capitolato Speciale d’Appalto con oggetto “modalità di stipulazione
del contratto” prevede che il contratto è stipulato a corpo ai sensi
dell’art.53, comma 4, del Codice dei Contratti, nonché degli artt. 43 e 184 del
D.P.R. 207/2010.

13. Si
chiede al RUP di specificare se nel corrispettivo per la progettazione
esecutiva, pag. 2 del bando di gara punto II.2.1  c) pari ad €
57.189,00  è stato calcolato anche il corrispettivo per il coordinamento
in fase di progettazione, in riferimento al documento di gara denominato BOZZA
PARCELLA.pdf. 2.  Facendo riferimento al disciplinare di gara
relativamente agli elementi di valutazione delle proposte migliorative punto
B.3 pag. 10 : Sistemazione del percorso con soluzioni progettuali e relativa
realizzazione, funzionali a creare un collegamento tra il tratto iniziale e
finale del marciapiede rispetto ai tratti già esistenti, MAX 25/65 PUNTI così
suddiviso: 15 punti per sistemazione del percorso e soluzione progettuale 1.
relativa al tratto Foce-Verde; Si chiede al RUP , in relazione al punto c.4
pag. 10 ,  se le soluzioni  progettuali devono riguardare solo il
collegamento tra l’area di progetto con la pista ciclabile , il marciapiede,
e  l’area a verde pubblico esistenti ? e 10 punti per sistemazione del
percorso e soluzione progettuale 2. relativa al tratto Via Casalina, Si chiede
al RUP , in relazione al punto c.4 pag. 10 ,  se le soluzioni progettuali
devono riguardare solo il collegamento tra l’area di progetto con la pista
ciclabile e il marciapiede esistenti?

– In relazione ai quesiti posti si
comunica quanto segue. quesito 1): il compenso per le prestazioni professionali
è stato determinato sulla base delle voci  descritte come attività
professionali riportate nella “bozza di parcella” quesito 2): i
limiti delle proposte di varianti migliorative sono quelli riportati al punto 3
del disciplinare di gara “OFFERTA TECNICA” con particolare
riferimento ed attenzione al punto c.4.

14. Riguardo il
punto 3 del disciplinare di gara (offerta tecnica) sotto punto B.2 <<
Sistemazione delle aree di proprietà comunale con una cartellonistica
descrittiva (in linea con il Manuale di identità visiva e le Linee guida per le
azioni di informazione e comunicazione del PLUS – POR FERS Lazio 2007/13) della
disponibilità dei parcheggi e fornitura di arredo urbano (panchine, ecc. …) e
parchi giochi per bambini nelle aree di proprietà comunale>>. Il manuale
di identità visiva di cui si parla fa riferimento alla sola cartellonistica di
cantiere. Pertanto il quesito è: la proposta migliorativa possibile riguarda la
cartellonistica di cantiere o la cartellonistica identificativa urbana? Se
valida la seconda ipotesi il riferimento al manuale di identità visiva è solo
indicativo o rimane comunque riferimento obbligatorio?

– In relazione al su riportato quesito
si rappresenta quanto segue: tutta la cartellonistica descrittiva della
disponibilità di parcheggi che sarà illustrata come proposta di variante
migliorativa è richiesta in linea con il Manuale di identità visiva e le Linee
Guida per le azioni di informazione e comunicazione del PLUS – POR FERS Lazio
2007/13.

15. Si
chiede se è possibile realizzare il parco giochi su aree limitrofe alla zona
delimitata quale oggetto di intervento, (perimetro tratteggiato in rosso sulle
tavole) o in subordine all’interno di tale perimetro, nell’area più ampia dove
è localizzata la vasca – fontana.

– E’ possibile proporre
varianti migliorative nelle zone che sono interessate dall’intervento previsto
nel progetto definitivo posto a base di gara ovvero sono menzionate nel
disciplinare di gara, sono nella disponibilità del Comune di Latina e comunque
rispettano quanto previsto al punto 3 lettera c) del disciplinare di gara.

 16. Si formulano i seguenti quesiti: 1 – i giochi
bambini devono essere posizionati esclusivamente nelle aree dei parcheggi
oppure è possibile immaginare una loro collocazione in spazi pubblici diversi –
aiuole e prati – limitrofe ma comunque al di fuori dell’area 
di intervento perimetrata, come d’altra parte i parcheggi? 2 – se invece
il posizionamento dei giochi per bambini avviene nelle aree di parcheggio è
possibile ridisegnare alcune parti dello stesso rivedendo il layout dei posti
auto? 3 – il limite dell’area di intervento (perimetrazione) è ampliabile per
consentire un miglioramento dei raccordi in corrispondenza delle due testate?

– E’
possibile proporre varianti migliorative nelle zone che sono interessate
dall’intervento previsto nel progetto definitivo posto a base di gara ovvero
sono menzionate nel disciplinare di gara, sono nella disponibilità del Comune di
Latina e comunque rispettano quanto previsto al punto 3 lettera c) del
disciplinare di gara.La proposta migliorativa che si intende proporre per la
sistemazione delle aree comunali per la finalità del punto B.2 dell’offerta
tecnica deve anch’essa rispettare quanto previsto al punto 3 lettera c) del
disciplinare di gara

17. Si richiedono i seguenti chiarimenti per la gara in oggetto e precisamente: Visto
il Disciplinare di gara che recita la seguente dizione (si riporta
integralmente) “Si precisa, infine, che saranno esclusi dal prosieguo della gara i
concorrenti che apporteranno varianti che la commissione di gara dovesse
ritenere peggiorative rispetto al progetto a base di gara”, volevamo sapere quali sono i limiti di
queste varianti (ed il criterio adottato) e/o se bisogna avere un punteggio
minimo per non essere esclusi dal prosieguo della gara. Si richiede altresì se
per quanto riguarda il ribasso temporale, c’è un limite temporale di ribasso
per l’esecuzione dei lavori.

– Nella
formulazione dell’offerta tecnica si invitano i concorrenti a rispettare quanto
stabilito nel disciplinare di gara, in particolare nella Parte Prima, punto 3,
lettera c); Non è previsto un limite temporale.

18. Siamo a chiedere in merito all’oggetto, se il professionista abilitato alla
“Relazione Specialistica” di cui al punto B1 dell’offerta tecnica è
da intendersi quale professionista da associare e/o incaricare come richiesto
all’ultimo capoverso del punto 2.4 del Disciplinare di Gara, essendo lo stesso
soggetto diverso dai firmatari del progetto.


Il professionista abilitato alla relazione specialistica produce solo una
documentazione a corredo dell’offerta ma non riveste il ruolo di progettista
dell’appalto integrato.

19. I
quesiti sono i seguenti: In caso di raggruppamento temporaneo (tre ingegneri di
cui uno giovane professionista iscritto da meno di 5 anni) il modello C deve
essere compilato da ognuno di loro? La distinzione tra progettista individuato
e associato consiste nel fatto che nel secondo caso è stata formalmente
costituita un associazione? Nel primo caso invece non vi è alcun documento ma
solo un impegno in caso di aggiudicazione? Non essendo associati ma
individuati, dobbiamo compilare il modello relativo alla ATI? Il punto 2.4 del
disciplinare di gara prevede che i progettisti nel caso di raggruppamenti,
dovranno specificare le categorie di progettazione svolte da ciascun soggetto
ed il nominativo del soggetto incaricato dal coordinamento. Per questo, visto
che nel modello C non risulta tale parte, va prodotta una dichiarazione
aggiuntiva? Esiste un altro modello specifico? Occorre produrre inoltre, oltre
al modello c ed alla dichiarazione di cui sopra, anche altre dichiarazioni? Vi
sono eventuali modelli anche per queste?

-In
caso di raggruppamento temporaneo, ogni professionista dovrà produrre la
dichiarazione sul possesso dei requisiti di ordine generale. L’associazione
dovrà rispettare tutte le prescrizioni previste dal Codice. In ogni caso, il progettista
sia individuato sia associato deve compilare il modello C. Chiaramente qualora
individuato dovrà provvedere a compilare il punto 2 dello stesso modello.


 


Allegati

Piazza del Popolo n.1 - 04100 - Centralino 0773/6521 - Sportello del Cittadino 800018353 - | cod.fiscale/p.iva 00097020598 | - Email certificata urp: urp@pec.comune.latina.it | Credits