Centralino 0773/6521
informazioni: urp@comune.latina.it
urp@pec.comune.latina.it

Bando per la concessione degli immobili comunali

Immobili comunali a disposizione delle associazioni per attività di carattere culturale e sociale.

Il Comune di Latina ha pubblicato l’atteso bando che definisce le procedure per la presentazione delle domande relative alla concessione di n°14 immobili di proprietà comunale, destinati ad associazioni ed enti senza scopi di lucro per l’organizzazione e lo svolgimento delle attività istituzionalmente previste dai relativi statuti.

 

Obiettivo del’Amministrazione Comunale è promuovere la valorizzazione degli immobili comunali non utilizzati, alcuni dei quali versano in situazione di degrado e richiedono interventi di ristrutturazione e manutenzione straordinaria che in questo momento l’amministrazione non è in grado di sostenere, destinandoli alle Associazioni e/o Enti del “Terzo settore” per la promozione di progettualità capaci di attivare processi virtuosi di sviluppo culturale, sociale ed economico per l’intera città e nello stesso tempo, necessari a garantire con urgenza la conservazione del Patrimonio comunale.

 

Attraverso lo strumento della concessione del patrimonio immobiliare indisponibile si punta ad ottenere il recupero di alcuni immobili inutilizzati, assegnandoli alle associazioni ed enti senza scopo di lucro a fronte della selezione di proposte progettuali di interesse pubblico che contengano sia il piano delle attività che l’eventuale piano di riutilizzazione/ristrutturazione dell’immobile.

 

Altra finalità del bando è quella di favorire e promuovere la ricerca di “sedi comuni” per più associazioni con lo scopo di :

 

– ottimizzare l’uso degli spazi disponibili, sfruttando al meglio le caratteristiche degli immobili assegnati, condividendo altresì le spese gestionali;

– favorire l’aggregazione di associazioni aventi finalità analoghe e condivise e la cui convivenza possa essere di ulteriore incentivo per la loro collaborazione.

 

Gli immobili o parti di essi per i quali è possibile presentare la domanda di partecipazione, sono indicati nel bando che contiene la descrizione dettagliata degli stessi e il relativo canone concessorio.

La durata della concessione è di 6 anni a decorrere dalla data di sottoscrizione del contratto, per gli immobili che non richiedono interventi di ristrutturazione, e non è prevista la possibilità di rinnovo.

Per gli immobili che versano in stato di degrado e richiedono interventi di ristrutturazione, la durata sarà commisurata al costo degli investimenti posti a carico del concessionario che si impegni al recupero e/o al restauro degli immobili ai sensi dell’art. 58 della Legge 133/2008 e comunque non potrà essere superiore ad anni 19.

 

I soggetti interessati possono presentare domanda, nelle modalità previste dal bando, entro il 15 aprile 2015.

 

“Si tratta di un atto importante che apre la valorizzazione degli immobili comunali ma anche la collaborazione tra Comune e privati per una azione integrata sul territorio – afferma il sindaco Giovanni Di Giorgi – Grazie a questa opportunità offerta alle associazioni ai vari soggetti ammessi, si potrà aumentare anche la qualità dei servizi sociali e culturali nelle varie zone dove insistono gli immobili oggetto del bando.

Naturalmente la concessione verrà data a quei soggetti che presentano determinati requisiti, tra cui principalmente la mancanza di scopo di lucro.

Ritengo che per un territorio vasto e articolato come il nostro sia essenziale poter avere dei punti di aggregazione e di socialità a carattere pubblico, gestiti con i criteri della massima trasparenza e rispetto delle regole.

Ringrazio l’assessore Laura Francalancia, gli uffici comunali, coordinati dalla dirigente Elena Lusena, e la Commissione consiliare bilancio e patrimonio per aver licenziato questo bando chiesto atteso da tanti cittadini e associazioni”.


Allegati

Piazza del Popolo n.1 - 04100 - Centralino 0773/6521 - Sportello del Cittadino 800018353 - | cod.fiscale/p.iva 00097020598 | - Email certificata urp: urp@pec.comune.latina.it | Credits